Usi e costumi

La vicinanza alla natura e alle tradizioni di vita in combinazione con la vita moderna è l'attrazione di Lenzerheide. La sua ampia offerta culturale va dalla piattaforma culturale ambulante DAS ZELT con i suoi artisti di alto profilo nel campo della commedia, teatro e musica fino alla musica classica, "Talks am Berg" con le persone della vita pubblica fino ai DJ di prima classe. Usi e costumi e le tradizioni sono molto presenti nella regione turistica di Lenzerheide. Qui viene ancora fatto a mano il formaggio o la tradizionale carne secca dei Grigioni.


Al caseificio del ristorante di montagna Tschugga a Parpan sarete condotti ai segreti della produzione del formaggio.

Al caseificio del ristorante di montagna Tschugga a Parpan sarete condotti ai segreti della produzione del formaggio.

Le contadine locali preparano con voi, come un tempo, nel forno a legna, il pane nella vecchia panetteria; lasciatevi coccolare durante le serate tipiche con specialità locali delle contadine. Troverete anche tesori storici quando i Grigioni erano ancora una federazione indipendente. Venite a visitare la regione turistica di Lenzerheide - radicata nelle sue tradizioni e allo stesso tempo aperta al mondo moderno.

Caseificio Tschugga

Al caseificio del ristorante di montagna Tschugga a Parpan sarete condotti ai segreti della produzione del formaggio. Imparerete tutto sulla produzione del formaggio e farete il vostro formaggio. Dopo la stagionatura in cantina di circa tre settimane il vostro formaggio viene consegnato a casa vostra. Prendetevi due ore di tempo e un pò di pazienza. Adatto per gruppi o famiglie, i bambini da 7 anni.

Produzione di carne secca

Una volta la carne secca in Europa era uno degli alimenti base dei contadini di montagna. Nel frattempo, è diventato uno dei tagli più costosi della carne. Nei Grigioni si è orgogliosi della carne essicata regionale dei Grigioni, che è fatta di carne di puro manzo.

La famiglia di Bruges produce ancora in maniera tradizionale la carne essicata di alta qualità. Hanno aperto un tour interessante sul funzionamento di un affascinante spaccato della produzione.

All‘essicatoio Bischofberger, le specialità locali popolari sono ancora fatte senza additivi e tecniche chimiche. Dopo un interessante tour informativo dell'impianto di essiccazione, è prevista la degustazione e un bicchiere di vino.

 

L‘Origen Festival Cultural

Il nome Origen ha un‘origine romancia e significa origine, provenienza, creazione - il programma del festival è un impegno per stimolare culturalmente una regione dove si parla tre lingue, che prospera grazie agli scambi. L’istituto culturale Origen organizza ogni anno l‘Origen Festival Cultural nei Grigioni ed è dedicato principalmente alla promozione e alla produzione di un nuovo teatro musicale professionale. Origen ha la sua propria sede: il castello di Riom, che è stato restaurato e inaugurato come teatro nel 2006. Origen è una testimonianza vitale per una comunità di lingua viva che osa sperimentare sempre di più la cultura. Il festival si tiene ogni estate dal 2008.

Il museo grigionese di arte a Coira

La collezione del Museo d'Arte dei Grigioni comprende circa 8.000 opere provenienti da tutte le aree delle arti visive dal XIX ° secolo ad oggi, soprattutto dai Grigioni o da artisti svizzeri. Una parte della collezione è in mostra permanente presso la Villa Plantation. Offre un‘ampia collezione di lavori di Angelika Kauffmann, Giovanni Segantini, Augusto Giacometti, Giovanni Giacometti, Alberto Giacometti, Ferdinand Hodler, Ernst Ludwig Kirchner, il gruppo "Rot-Blau"; ma sono rappresentati anche artisti contemporanei come Matias Spescha, Lenz Klotz, Not Vital, HR Giger Pascale Wiedemann, Jules Spinatsch, Zilla Leutenegger o Gabriela Gerber/Lukas Bardill. Annualmente trovate nella dependance circa 5-6 mostre sull'arte contemporanea e temi storico-culturali.

Kirchner Museum di Davos

La Kirchner Museum di Davos inaugurato nel 1992 ospita la più grande collezione al mondo delle sue opere. L'edificio del museo è stato progettato da due architetti zurighesi Annette Gigon e Mike Guyer e trova, grazie alla sua forma sobria, grande attenzione nei circoli internazionali di architettura. Il museo è aperto tutto l'anno dal martedì alla domenica. Il museo è chiuso il lunedì.

Museo Segantini a St. Moritz

Giovanni Segantini (1858-1899) è considerato un importante artista del simbolismo realistico e un grande innovatore della pittura alpina nel tardo 19° secolo. L‘artista apolide si trasferì nel 1894 da Savognin all‘Engadina, sul Maloja. Mentre Segantini lavorava sul Schafberg sopra Pontresina al suo trittico alpino „La natura La vita e La morte“, la morte improvvisamente lo colse. Nel 1908 è stato costruito in onore dell'artista il Museo Segantini a St. Moritz che oggi offre la più grande collezione al mondo dell'artista.

Rovine di Belfort

Nelle rovine di Belfort a Brienz / Vazerol, il museo locale Vaz / Obervaz ha aperto un nuovo giardino di erbe aromatiche in estate 2012. Tra le storiche rovine prosperano spezie, piante officinali e aromatiche, che probabilmente sono stati utilizzate nel Medioevo. Un opuscolo informativo sul giardino di erbe è disponibile presso l'ingresso del castello. Il luogo odierno è stato, nel periodo dal XIII al XIV secolo, un punto focale di organizzazioni politiche, giuridiche ed economiche del Paese, le sue pareti vibrano di vita. Fuori dal castello passava una delle principali strade di collegamento. Più di 500 anni fa il castello di Belfort è stato preso d'assalto e bruciato prima della battaglia della Calven (1499). Da allora l'imponente edificio cadde in rovina. Le sue rovine restaurate ricordano il successo dell’indipendenza della confederazione nella guerra di Svevia, d'altra parte è anche un monumento dei loro costruttori, i baroni di Vaz, che tempo fa rappresentavano la famiglia più potente ad Oberrätien.

Mostra sui Baroni di Vaz a Brienz / Vazerol

Una piccola mostra di straordinario valore storico offre una panoramica sulle abitudini delle generazioni precedenti.

Museo locale a Zorten

Nel museo locale Vaz viene mostrata la vita e gli strumenti di lavoro della popolazione rurale originaria della prima parte del 20° secolo cosi come anche lo sviluppo del turismo del famoso centro di cura Lenzerheide-Valbella. La collezione comprende il folklore, l‘agricoltura, l‘artigianato, la storia della chiesa, lo sport e il turismo, un‘intera attrezzatura da fabbro e da costruttore di carrozze da Muldain, il mulino di Zorten, una tessitura con un telaio da Lain che viene ancora utilizzato oggi, una cucina tradizionale e numerosi altri oggetti. Nella galleria annessa "Sala Parpan" sono esposte sculture di Ferdinando Parpan, cittadino onorario di Vaz / Obervaz. Ogni anno vengono organizzate mostre speciali accanto alle quali si possono vedere anche opere di artisti locali.

 

SITEMAP